Salta al messaggio


Foto

Regime ottimale per cambiare marcia


This topic has been archived. This means that you cannot reply to this topic.
12 replies to this topic

#1 Kraven Van Helsing

Kraven Van Helsing

    .::Jordana Brewster fan::.

  • Utenti
  • PuntoPuntoPuntoPunto
  • 1633 Messaggi

Inviato 30 aprile 2006 - 12:11

Ho un dubbio di tipo sia pratico che teorico:
se ho i dati di potenza massima e coppia massima come segue

60cv@5600 giri/minuto
88nm@3800 giri/minuto

A che regime mi conviene cambiare?
- sempre a 3800 giri?
- tra i 3800 e i 5600?
- c'è "convenienza" a tirare oltre il regime cui il motore esprime la coppia massima?

Il fine ovviamente è quello di andare il più veloce possibile, sia come spunto da fermo, sia come spunto da x km/h e come velocità massima raggiungibile.

#2 IronFly

IronFly

    IronBug Finder™

  • Amministratori
  • 18703 Messaggi

Inviato 30 aprile 2006 - 12:53

allora da quel che so io:

la coppia ti serve per lo spunto, quindi la ripresa + veloce possibile di velocità.

la potenza serve per l'allungo quindi per raggiungere + velocemente la velocità massima.

infatti se noti i diesel hanno una grande spunto da fermi o cmq alle basse/medie velocità, ma negli allunghi o nei sorpassi tipo autostrada fanno fatica ad esprimersi se non hai la marcia giusta inserita.
praticamente il motore muore oltre un certo numero di giri.

dal mio punto di vista conviene nelle marce basse tenere il motore il più possibile nel regime di coppia e invece negli allunghi e quindi rettilinei sfruttare al meglio l'allungo di potenza.

quindi in 1-2-3 cambierei attorno ai 4800-5000, poi dalla terza in su farei una cambiata sui 6500 giri, sempre che il motore permetta quel regime.

sempre IMHO. :rotfl:

#3 Ubaldo

Ubaldo

    Ut0nto™

  • SuperUtenti
  • PuntoPuntoPuntoPuntoPunto
  • 2792 Messaggi

Inviato 30 aprile 2006 - 12:54

dopo la cambiata il motore deve essere in regime favorevole, quindi ti conviene tirarlo oltre il regime di coppia massima, suppongo

#4 Kraven Van Helsing

Kraven Van Helsing

    .::Jordana Brewster fan::.

  • Utenti
  • PuntoPuntoPuntoPunto
  • 1633 Messaggi

Inviato 30 aprile 2006 - 13:06

Se il motore in esame ha la potenza massima a 5600 e lo si riesce a tirare fino ai 7000 (è il millino della mia Corsa), conviene farlo?

Cioé se avessi per ipotesi un rettilineo di qualche decina di km e potessi accelerare in quinta dal regime di potenza massima, su verso i 7000... la velocità crescerebbe anche se il picco di potenza il mio motore l'ha già dato?

Ovviamente questo è un po' più teorico come discorso... la Corsa più di 150 nn li fa e non sale in 5a oltre i 5600/5800

#5 Ubaldo

Ubaldo

    Ut0nto™

  • SuperUtenti
  • PuntoPuntoPuntoPuntoPunto
  • 2792 Messaggi

Inviato 30 aprile 2006 - 13:53

Bisogna vedere la mappa della potenza e coppai del motore, per stabilirlo. Infatti, se la caduta di potenza è eccessiva sopra i 6300 (diciamo a titolo di esempio), non cinviene tirare più di tanto. Cmq, in mancanza dei grafici, basterà fare esperienza col motore e capire a che regime in cambiata da il meglio

#6 Kraven Van Helsing

Kraven Van Helsing

    .::Jordana Brewster fan::.

  • Utenti
  • PuntoPuntoPuntoPunto
  • 1633 Messaggi

Inviato 30 aprile 2006 - 14:02

In effetti non avevo considerato altro che una forma a "campana" molto accentuata, per la quale la potenza a seguito del picco scende repentinamente...

#7 Ubaldo

Ubaldo

    Ut0nto™

  • SuperUtenti
  • PuntoPuntoPuntoPuntoPunto
  • 2792 Messaggi

Inviato 30 aprile 2006 - 14:05

In effetti non avevo considerato altro che una forma a "campana" molto accentuata, per la quale la potenza a seguito del picco scende repentinamente...


allora, fai un po' di prove, ma cercare un forte allungo dovrebbe essere controproducente.
Controproducente perchè potresti avere una botta di sonno al volante! Scherzo, probabilmente perderesti più tempo, meglio cambiare... ;-)

#8 Arthur Fonzarelli

Arthur Fonzarelli

    Ciao,sono Fonzie!

  • Utenti
  • PuntoPuntoPuntoPuntoPuntoPuntoPuntoPunto
  • 11263 Messaggi

Inviato 30 aprile 2006 - 18:25

devi cambiare in modo che,dopo il rilascio della frizione (in seguito all'innesto della marcia superiore) il motore si trovi sopra o in prossimità del regime di coppia massima.

nel caso di un motore stradale non potente,divrebbe ricadere sopra il regime di coppia massima...

notare che piu il rapporto di demoltiplicazione è piccolo (marcia più alta) piu perdita di giri si ha in seguito ad un cambio di marcia,quindi un seconda/terza potrebbe meritare farlo a 5000 giri mentre un quarta/quinta potrebbe meritare farlo a 6000...

devi fare un pò di prove,e ricordarti mentalmente a quanti giri effettuare un passaggio alla marcia superiore per ogni marcia che hai innestata.

ad esempio ho notato che con la mia fare seconda/terza a limitatore non serve ad una cippa,basta farlo a 5800 circa....

#9 marcob77

marcob77

    Utente affermato

  • Utenti
  • PuntoPuntoPunto
  • 586 Messaggi

Inviato 01 maggio 2006 - 17:00

Quando correvo negli sport prototipi cambiavo sempre fra i 7000 e gli 8000.

#10 17mika

17mika

    Utente affermato

  • Utenti
  • PuntoPuntoPunto
  • 621 Messaggi

Inviato 02 maggio 2006 - 10:27

Ho un dubbio di tipo sia pratico che teorico:
se ho i dati di potenza massima e coppia massima come segue

60cv@5600 giri/minuto
88nm@3800 giri/minuto

A che regime mi conviene cambiare?
- sempre a 3800 giri?
- tra i 3800 e i 5600?
- c'è "convenienza" a tirare oltre il regime cui il motore esprime la coppia massima?

Il fine ovviamente è quello di andare il più veloce possibile, sia come spunto da fermo, sia come spunto da x km/h e come velocità massima raggiungibile.


Per risolvere il problema efficacemente servono 3 dati:
1) curva di coppia
2) curva di potenza
3) rapporti del cambio

A quel punto puoi trovare la soluzione "banale" per ogni cambiata, che è quella che eguaglia la coppia alle ruote nelle 2 marce tra le quali cambi. Nota che bisogna eguagliare la coppia alle ruote, ovvero coppia al motore x rappporto del cambio, perchè quando sali di marcia la tua coppia "effettiva alle ruote" (a parità di giri) si riduce proporzionatamente all'aumento del rapporto del cambio.


Osservando il piano pratico, nella maggior parte delle macchine, nella maggior parte delle cambiate conviene cambiare poco dopo il regime di potenza massima. Ma questo ovviamente non è assoluto, perchè per esempio se 2 marce sono molto "vicine" ti potrai trovare a cambiare prima.

#11 Arthur Fonzarelli

Arthur Fonzarelli

    Ciao,sono Fonzie!

  • Utenti
  • PuntoPuntoPuntoPuntoPuntoPuntoPuntoPunto
  • 11263 Messaggi

Inviato 02 maggio 2006 - 11:41

Osservando il piano pratico, nella maggior parte delle macchine, nella maggior parte delle cambiate conviene cambiare poco dopo il regime di potenza massima. Ma questo ovviamente non è assoluto, perchè per esempio se 2 marce sono molto "vicine" ti potrai trovare a cambiare prima.



cazzarola!

io cercavo di essere piu pratico... :mad:


comunque è vero,dipende anche dalla spaziatura dei rapporti...

per esempio,sulla mia, terza e quarta sono abbastanza vicine,fare un cambio di marcia ad alti regimi (che poi sono circa 150 all'ora,per una terza tirata a fondo) è abbastanza gasante perchè il regime si abbassa di poco e ho altri 1500 giri utili...

poi metto la quinta e mi cascano le palle...

:(



:(

#12 Ubaldo

Ubaldo

    Ut0nto™

  • SuperUtenti
  • PuntoPuntoPuntoPuntoPunto
  • 2792 Messaggi

Inviato 02 maggio 2006 - 11:52

è normale, con la rapportatura di un mezzo sportivo, consumeresti come un camion.... E in città soffriresti non poco....

#13 Arthur Fonzarelli

Arthur Fonzarelli

    Ciao,sono Fonzie!

  • Utenti
  • PuntoPuntoPuntoPuntoPuntoPuntoPuntoPunto
  • 11263 Messaggi

Inviato 03 maggio 2006 - 17:35

è normale, con la rapportatura di un mezzo sportivo, consumeresti come un camion.... E in città soffriresti non poco....


si ma io mica voglio i rapporti sportivi...io voglio il 6 marce del cooper S

LOL

o un Hollinger a denti dritti....boh


:(